HOME     CHI SIAMO     DOVE SIAMO     I NOSTRI LINK     STUDI BIBLICI     TESTIMONIANZE     CONTATTI     FOTO

 

In questa sezione vi sono note di predicazioni fatte nella Chiesa Evangelica di S.Lazzaro del 2006

L'articolo completo è di 9 pagine. Se vuoi, puoi scaricare sul tuo computer l'articolo completo Clicca qui (file "pdf" basta fare salva e tornare indietro a questa pagina per continuare la navigazione)

 

RIFLESSIONI SUL PADRE NOSTRO

INDICE:

  1. Padre nostro che sei nei cieli
  2. Sia santificato il tuo nome
  3. Venga il tuo regno
  4. Sia fatta la Tua volontà
  5. Dacci oggi il nostro pane
  6. Rimetti a noi i nostri debiti
  7. Non ci esporre alla tentazione
  8. Ma liberaci dal maligno
  9. Poichè Tuo è il Regno, la Potenza e la Gloria in eterno. Amen

 

Pagine>>1>2

1. PADRE NOSTRO CHE SEI NEI CIELI
Matteo 6: 5-14; Luca 11:1-4

1. INTRODUZIONE

Queste riflessioni sul Padre Nostro, nascono dalla necessità di riprendere alcuni temi di carattere catechistico che sono necessari alla formazione della chiesa. Il Padre Nostro, in particolare, può aiutarci a migliorare la nostra comprensione sul ruolo e sulla pratica della preghiera.
1. il contesto (dove si colloca la preghiera?)
a. Il contesto della preghiera (5-8)
Matteo (a differenza di Luca) colloca il Padre nostro nel Sermone sul monte nel contesto dell’insegnamento sulla preghiera dove Gesù critica due tipi di preghiere:

  • La preghiera dell’ipocrita. Tipica dei Farisei, dove la preghiera diventa esibizionismo, spettacolo per mettersi in mostra davanti alla gente.
  • La preghiera del pagano. Che è ripetizione meccanica, strumento matematico per esercitare pressione sulla divinità ma priva di cuore.

Queste due modi di pregare sono inutili, dannosi e creano solo pericolose illusioni perché non tengono conto di due elementi: Dio vede (6) e Dio sa (8). 
Ma allora, siccome Dio vede e sa, perché pregare? Gesù non scoraggia la preghiera ma indica ai suoi discepoli come pregare in modo gradito a Dio. Dice a proposito Calvino: “Il credente non prega per avvertire Dio di qualcosa che Gli sia sfuggito nè sollecitarlo come Egli fosse in ritardo ma piuttosto per imparare essi stessi a cercarlo e ad esercitare la loro fiducia in lui meditando sulle sue promesse, a consolarsi mettendo su di lui le loro sollecitudini e per testimoniare tanto a se stessi quanto agli altri che essi sperano e attendono ogni bene da lui solamente”(Istituzione pag. 232). 
b. il contesto del perdono (14-15)
Il Padre nostro è collocato tra l’insegnamento a pregare in modo corretto e l’insegnamento a perdonare in modo corretto e lega insieme la preghiera a Dio con il perdono al fratello. Così l’aspetto verticale della misericordia di Dio, si collega a quello orizzontale della misericordia per il fratello. “Non c’è vera preghiera senza vero perdono e non può esistere vero perdono se non sulla base di una vera preghiera”. (Mt. 5:23-24; Mar. 11:25-26))

2. LA STRUTTURA

Ci sono alcuni elementi che caratterizzano la struttura di questa preghiera.

  • La sobrietà. Nessuna parola è di troppo e neppure troppo poco. Perché Dio, al contrario dell’uomo, non ha bisogno di spiegazioni e abbellimenti.
  • La completezza. Nessun elemento è trascurato o dimenticato. E, in verità, sono tutte realmente essenziale le richieste di questa preghiera.
  • Le priorità. La preghiera è strutturata con un prologo, sei richieste (o sette per alcuni che dividono in due l’ultima richiesta) di cui le prime tre sono relative a Dio e le seconde tre relative all’uomo, e una chiusa finale (che manca in alcuni manoscritti più antichi). La preghiera ha quindi la stessa struttura dei dieci comandamenti. Se è vero che Dio deve avere il primo posto, è vero anche che c’è spazio per l’uomo per i suoi bisogni e i suoi limiti. Così, se i dieci comandamenti rappresentano il patto di grazia con cui Dio ha voluto relazionarsi all’uomo, qui di nuovo Dio vuole che l’uomo si relazioni con Lui mediante la preghiera di grazia.

3. IL PROLOGO (ovvero chi pregare)

a. Padre
La preghiera è dunque indirizzata a Dio e a lui soltanto. Il termine padre qui utilizzato, l’aramaico “abba” (caro papà) è una locuzione derivata dal linguaggio infantile e domestico (abbà e immà = papà e mamma). Un termine mai usato nella letteratura liturgica giudaica. Gesù lo usa qui, nel Getzemane e poi la chiesa lo adotterà in tutto il NT. Gesù utilizza un nome che esprime una nuova rivelazione del carattere di Dio. Dio come papà. Così al nome impronunciabile (YHWH) che incute timore, mistero, paura, lontananza ed estraneità si associa e si armonizza un nome che evoca immediatezza, vicinanza, accessibilità, famigliarità, affetto e relazione. In questo cambiamento di nome (tipico di Dio cambiare nome in relazione ad un cambiamento del tipo di relazione!) è la rivelazione di Dio fatta da Gesù. Questo è ciò che annuncia l’Evangelo: c’è un altro nome di Dio, non quello che ne rivela la lontananza ma quello che lo avvicina a noi. Ma non tutti possono chiamare Dio “Papà”. E’ un diritto riservato ad alcuni soltanto. (Giov. 1:11-13). Solo accogliendo Cristo noi acquisiamo questo diritto in virtù dell’adozione!
Ma per quelli che ne hanno diritto è bene chiamare Dio “papà”. In particolare:

  • Per coloro che non hanno mai potuto chiamare il loro padre umano.
  • Per coloro che troppo presto hanno smesso di avere il loro padre umano
  • Per coloro che hanno molto sofferto la relazione con il loro padre umano.

Sembra che il ruolo del padre sia quello più toccato e rovinato dallo scompenso prodotto dal peccato. Quanti padri inesistenti, evanescenti, irresponsabili, lontani, duri, tiranni. Quante ferite nei figli che talvolta ancora sanguinano e fanno soffrire. A tutti coloro che sono orfani di padre o che avrebbero voluto un padre diverso, Dio si presenta così: “eccomi qui, sono io il tuo vero Padre. Io ti ho adottato e tu sei mio”! 

b. nostro
Dio non è Padre solo per me, io non sono figlio unico. Gesù, l’unico che lo era, ha rinunciato a questo diritto per dare a me, a noi tutti il privilegio di condividere con lui la paternità di Dio. Dio è anche padre dei miei fratelli. Un Padre divino, santo, perfetto ma anche dei fratelli umani, peccatori e pieni di difetti. Eppure per tutti, Padre nostro. Gesù ci invita a non separare e a non opporre il Dio del cielo al fratello in terra, a non privilegiare il rapporto con Dio a scapito di quello con il fratello. Devo imparare a pregare e a vivere questo “noi”. Di qui l’importanza della preghiera ecclesiale e della comunione ecclesiale.

c. che sei cieli
Questa frase: “il padre che è nei cieli o celeste”, compare 8 volte nel sermone sulla montagna (5:16,45,48; 6:1,9,14; 7:11,21). Il concetto di cielo non indica tanto una lontananza ma una diversità. D’altronde sappiamo che anche “i cieli dei cieli”(2 Cr.6:18) non possono contenere Dio. Il cielo dunque non indica tanto il luogo della dimora spaziale di Dio, ma quello della sua alterità, della sua trascendenza, della differenza qualitativa di realtà. Cielo e terra non sono due realtà lontane ma semplicemente due realtà diverse. Con questa espressione Gesù vuole rimette in equilibrio la nostra relazione con Dio. E dunque, quando diciamo “Padre” che indica la sua prossimità, dobbiamo anche aggiungere “che sei nei cieli” che indica la sua trascendenza. L’amore che evoca il primo termine deve essere coniugato con il timore che suscita il secondo. Non a caso l’Ecclesiaste, parlando di come dobbiamo accostarci a Dio ci ricorda che “Dio è in cielo e tu sulla terra” (Ecc. 5:2) Dunque, pregando Dio così, noi evitiamo che la paternità di Dio lo faccia diventare nostro pari e che il nostro orgoglio lo faccia scendere a nostro servitore per strumentalizzarne i servigi. 
conclusioni
Riappropriamoci del Padre nostro, imparando a collocarlo nel suo giusto contesto. Non lasciamolo alla sola recitazione meccanica dei cattolici o alle tradizioni protestanti. Se è corretto contestare l’abuso non è lecito evitarne l’uso. In particolare nella nostra preghiera, ricordiamoci bene che cosa vuol dire. “Padre nostro che sei nei cieli”

Pagine>>1>2

 

ATTIVITÀ
Al Parco
Attività 2
Attività 3

gruppo giovani

2tito

2 timoteo 2

giovanni 20

Copyright © 2010 Chiesa evangelica S.Lazzaro
Chiesa Cristiana Evangelica di San Lazzaro di Savena su Facebook